Archivi categoria: 50 km

Civita Castellana (VT)

Informazioni principali

  • Stato percorso: provato
  • Visitabile nei giorni feriali: SI
  • Visitabile nei giorni festivi: SI
  • Servito da: bus CO.TRA.L., ferrovia Roma – Civita Castellana – Viterbo (ATAC), treno regionale Trenitalia
  • Gestore servizio trasporto pubblico urbano: Vitertur
  • Cambi (quanti mezzi prendere, minimo): 1
  • Prerequisiti: nessuno
  • Linee di riferimento:
    • (COTRAL): Roma Saxa Rubra – (Via Flaminia) – Civita Castellana
    • COTRAL): Roma Saxa Rubra – (Formello – Campagnano di Roma -) Monterosi – Nepi – Castel Sant’Elia – Civita Castellana
    • (COTRAL): Roma Saxa Rubra – Mazzano di Roma – Calcata – Faleria – Civita Castellana
    • (ATAC): Roma Flaminio – Roma Saxa Rubra – […] – Sacrofano bv – Riano bv – Castelnuovo di Porto bv – Morlupo bv – Rignano Flaminio – Sant’Oreste bv – Civita Castellana – Faleri – Fabrica di Roma – […] – Vignanello – […] – Soriano nel Cimino – […] – Bagnaia – Viterbo
    • (TRENITALIA): Fiumicino Aeroporto – […] – Roma Ostiense – […] – Roma Tiburtina – […] – Monterotondo – Piana Bella di Montelibretti – Fara Sabina – Poggio Mirteto – Gavignano Sabino – Stimigliano – Collevecchio – Civita Castellana – Gallese – Orte [FL1]
  • Distanza approssimativa da Roma: 50 km (considerando la tratta Cotral, la più breve)
  • Capolinea di Roma di riferimento: Roma Saxa Rubra (Cotral), Roma Flaminio (Atac), Roma Tiburtina (Trenitalia)

Come arrivare a Civita Castellana da Roma

Così come “tutte le strade portano a Roma”, sembra quasi che “tutte le linee che partono da Roma Saxa Rubra portano a Civita Castellana”. Be’, non è proprio così, ma è quello che ho pensato anni fa quando studiavo i percorsi delle linee bus Cotral per i paesi a nord di Roma. Si scopre che le corse che vanno a Nepi, Castel Sant’Elia, Formello, Campagnano, Mazzano, Calcata, Faleria, tranne poche eccezioni sono tutte dirette a Civita Castellana, per strade diverse.

Il vantaggio, per chi vuole andare a Civita Castellana con bus Cotral, è che può sfruttare addirittura 3 linee diverse. Di queste la più rapida è senz’altro quella “Via Flaminia” mentre la più lenta è quella via Formello – Campagnano.

Oltre ai bus Cotral si può raggiungere Civita Castellana anche via treno, anzi, scegliendo tra due treni completamente diversi.

Uno è il treno regionale Trenitalia della linea Fiumicino Aeroporto – Orte: le corse dirette fino a Orte fermano anche a Civita Castellana. L’inconveniente è che la stazione Civita Castellana di Trenitalia è ben distante dalla città (località “Borghetto”) quindi dovrete coprire la distanza mancante con la navetta urbana; inoltre, a seconda della stagione, il treno potrebbe non essere esercitato la mattina tra le 8 e le 12 circa, o sostituito con bus.

L’altro è il treno che non ti aspetti, quello della ferrovia concessa “Roma – Civita Castellana – Viterbo” detta anche “Roma Nord”. Attualmente è in gestione all’atac di Roma; i biglietti in uso sono dei titoli di viaggio dedicati a questa linea: non potete usare i normali biglietti urbani atac né funzionano i biglietti Cotral. Dovrete comprare gli appositi biglietti alle biglietterie atac delle varie stazioni, Roma Flaminio in primis. Le corse a disposizione non sono molte, dovrete studiare gli orari aggiornati; alcune corse potrebbero partire da Montebello non da Flaminio quindi in quel caso dovrete prima prendere il trenino da Flaminio in versione urbana fino a Montebello e da lì cambiare con bus sostitutivo. La domenica invece questi inconvenienti non ci sono e c’è un bel treno alle 9:30 perfetto per partire in gita, e soprattutto ci sono dei ritorni sempre con treno nel pomeriggio. Altro punto a favore di questo treno rispetto a quello Trenitalia è che ferma in città, pochi minuti a piedi dal centro storico.

Riassumendo, le opzioni di viaggio qui sono veramente tante; per scegliere conviene considerare soprattutto quando volete viaggiare:

  • se dovete recarvi a Civita Castellana di mattina presto, può essere conveniente il treno Trenitalia + navetta urbana
  • nei giorni feriali partendo di mattina non presto, il Cotral versione “via Flaminia” è l’ideale
  • nei giorni festivi suggerisco di prendere il treno atac

Panoramicamente parlando, tutte le soluzioni disponibili a mio avviso meritano il viaggio in se’. Se visiterete Civita Castellana più di una volta, per se’ stessa o come passaggio per raggiungere altre località, quando avrete acquisito dimestichezza, provate ogni tanto a cambiare rotta; a tal fine però considerate che la linea Cotral “via Flaminia” e il treno atac ricalcano praticamente lo stesso percorso fino a poco dopo Sant’Oreste.

Economicamente parlando, la soluzione meno costosa è il treno atac: tratta 6, costo 3,10€ da Roma Flaminio; il Cotral, da Roma Saxa Rubra, è tratta 5, costo 3,40€, infine il treno Trenitalia è il più costoso: 4,00€ contando da Roma Tiburtina e in più dovrete aggiungere un euro circa per la navetta urbana.

Come tornare a Roma da Civita Castellana

Tutte le soluzioni citate per l’andata hanno dei loro equivalenti di ritorno, lungo tutto l’arco della giornata: consultate gli orari ufficiali aggiornati delle varie compagnie di trasporto e scegliete la soluzione che fa per voi, non dando mai nulla per scontato.

Capolinea e/o fermate principali

Cominciando alla lontana, questo è il piazzale della stazione ferroviaria di Trenitalia (linea FL1 Fiumicino Aeroporto – Orte):

Siamo fortunati: la macchinina di Google Maps è passata proprio mentre era in sosta la navetta urbana di collegamento con la città. Ricordate che se venite a Civita con questo treno dovrete per forza far uso di questa navetta quindi studiate anche i suoi orari, sul sito della compagnia (Vitertur). La linea è la n. 1; la fermata della stazione si chiama “Borghetto” dal nome della frazione, che a sua volta prende il nome da quei ruderi di un castello / torre che avrete sicuramente visto dal treno se sedevate a sinistra.

Ecco invece la stazione atac:

Come vedete allargando la mappa siamo molto più vicini al centro qui rispetto all’altra stazione: basta scendere a destra rispetto all’immagine, attraversare il ponte, e siamo arrivati in pieno centro storico.

I bus Cotral delle linee da/per Roma fanno ancora meglio perché salgono dentro la rupe e attraversano il centro storico. Proveniendo da Roma la fermata più centrale in assoluto è qui:

Onestamente è un po’ che non ci vado e non ricordo se ferma esattamente qui o un po’ più avanti dopo le strisce e di fronte all’istituto.

Dopo questa fermata i bus proseguono e poi girano a destra scendendo fino al ponte e attraversandolo, facendo fermata a ridosso della stazione atac; stavolta la fermata è chiaramente indicata da palina Cotral che oggi c’è anche dall’altro lato anche se nell’immagine Google di qualche anno fa non c’è:

Le fermate di ritorno Cotral sono di fronte a quelle di andata; quella più centrale è davanti all’istituto.

Tornando un attimo al treno atac, la fermata successiva a Civita Castellana, “Catalano”, in realtà è ancora all’interno di Civita Castellana ma nella parte nuova; le due stazioni sono molto vicine tra loro. Negli orari atac noterete probabilmente delle corse con capolinea a Catalano: perché a Catalano e non a Civita Castellana? Perché a Catalano c’è anche la rimessa per i treni.

Civita Castellana come nodo di scambio

Civita Castellana è da considerarsi nodo di scambio non solo per i numerosi mezzi a disposizione per raggiungerla, ma perché da qui si passa e si cambia con altri bus Cotral per raggiungere altre località del circondario, per esempio Fabrica di Roma, Corchiano, ma anche Magliano Sabina, Montebuono. Ne parleremo meglio nei relativi articoli; qui accenniamo che queste altre linee Cotral NON passano per il centro storico di Civita Castellana come le linee per Roma e non passano neanche davanti alla stazione atac, ma vanno prese come fermata un po’ più in là, a via Giuseppe Mazzini, o direttamente al capolinea di fronte al deposito.

Bus Cotral in fermata a via Mazzini:

Il deposito/capolinea di Civita Castellana:

Giusto per essere chiari, non c’è bisogno di spingersi fin qui per visitare Civita Castellana in se’: il capolinea è utile in alcuni orari per cambiare con altre linee Cotral per altre destinazioni, che tratteremo in successivi articoli.

Gavignano Sabino scalo (RI)

Informazioni principali

  • Tipologia: nodo di scambio / capolinea
  • Alias: Gavignano Sabino FS, Forano FS
  • Utilizzabile nei giorni feriali: SI
  • Utilizzabile nei giorni festivi: NO (perché i treni ci sono ma i bus no)
  • Servito da: bus CO.TRA.L. e treno regionale Trenitalia (FL1)
  • Cambi (quanti mezzi prendere): 1
  • Prerequisito: nessuno
  • Frequenza: buona
  • Distanza approssimativa da Roma: 50 km
  • Capolinea di Roma di riferimento: Roma Tiburtina

Gavignano Sabino scalo

Posta sulla linea ferroviaria regionale “FL1” Orte – Roma Tiburtina – Fiumicino Aeroporto, la prima che si incontra dopo Poggio Mirteto, questa stazione è il nodo di scambio fondamentale, il più comodo, per raggiungere le seguenti località della Sabina:

Orari e coincidenze

La frequenza di collegamento con la capitale è di un treno ogni ora.

La “formula” di viaggio tipica prevede di arrivare prima in treno da Roma (tipicamente Roma Tiburtina) fin qui per poi cambiare con bus Cotral per raggiungere i paesi, vedere i relativi articoli per ulteriori dettagli.

Le corse Cotral in partenza da qui, specie quelle del pomeriggio, sono in coincidenza vera col treno da Roma (NON con quello da Orte) nel senso che aspettano se il treno fa ritardo. Mi è capitato che il treno facesse ritardo di quasi 20 minuti e già pensavo di aver perso un’ora e di dover aspettare 40 minuti la prossima corsa e invece no, i bus erano lì ad aspettarci!

D’altra parte i bus partono appena la gente è trasbordata tutta, anche se manca qualche minuto all’orario ufficiale di partenza. Ed è giusto così, gli unici passeggeri che partono da qui possono solo essere arrivati in treno.

I bus sono due ogni volta perché le linee sono due e partono contemporaneamente:

  • Gavignano Sabino FS – Gavignano Sabino – Selci – Torri in Sabina
  • Gavignano Sabino FS – Forano (- Stimigliano)

Sopra ho precisato “del pomeriggio” perché la particolarità è che le coincidenze cominciano dopo le 14, e ce n’è una ogni ora fino a sera. La prima che funziona è: treno 13:46 da Roma Tiburtina, a seguire bus con partenza alle 14:45.

Perché di pomeriggio? Perché sono corse pensate per i ritorni a casa dei pendolari che la mattina hanno seguito il percorso inverso per lavorare.  Per visitare questi posti da Roma in sostanza si sfruttano come “andate” corse che in realtà sono pensate come ritorni.

Il tutto funziona per il “forestiero” perché di questi “ritorni” non ce n’è uno solo ma svariati, intervallati di un’ora, sia bus che treni. Sarebbe veramente perfetto se non fosse che funziona solo il pomeriggio. In questo modo in pratica al forestiero conviene aspettare la bella stagione, le ore lunghe, per visitare questi posti. D’inverno, in mezzo alle colline, verso le tre di pomeriggio è già tramonto.

E prima delle 14:45? Non c’è trippa pe’ gatti! Tralasciando l’alba c’è una corsa feriale alle 8:50 ma non copre tutti i comuni indicati sopra, segue altra rotta.

Le corse che per noi sono “di ritorno” invece non sono in coincidenza con il treno PER Roma nel senso che una volta tornati col bus c’è uno slargo di attesa di circa mezz’ora prima del prossimo treno, ma va benissimo così. Non sapete per quante altre situazioni la coincidenza bus-treno è un sogno chimerico, utopia, e quante altre ancora non hanno coincidenze ripetute così per ore.

Stazione

Stazione “minimalista” con due banchine, un sottopasso, macchinette per timbrare i biglietti. Nessun fabbricato viaggiatori. La stazione è molto vicina al fiume con begli scorci.

La stazione prende il nome dal centro abitato più vicino (così vicino che volendo si potrebbe raggiungere anche a piedi, saranno circa 1,5 km) che attualmente non è comune ma frazione di un altro comune, Forano. Per questo motivo nelle tabelle/orari Cotral compare l’indicazione “Forano FS”, “Stazione di Forano”, “Forano / Staz.FS”: si intende sempre questa di stazione. I bus in genere tabellano invece “GAVIGNANO FS” o “GAV SAB FS” etc. Anche sul biglietto timbrato la macchinetta ha scritto “Gavignano Sa”.

Da non confondere questo “Gavignano Sabino”, frazione di Forano provincia di Rieti con “Gavignano”, comune in provincia di Roma (10 km da Colleferro verso sud). Non aiuta in questo il fatto che la stazione sia invece cartellata proprio “Gavignano” e che i biglietti del treno timbrino “GAVIGNANO”. Il vero comune di Gavignano non ha una sua stazione: quella più vicina è “Anagni-Fiuggi” ma non c’è interscambio.

Biglietti

Non ci sono macchinette self-service né tantomeno biglietterie ma penso possiate acquistare biglietti al bar della stazione. Naturalmente se sapete quando tornate potete sempre comprare il biglietto di ritorno anche a Roma prima di partire.

Capolinea d’interscambio

Ecco un’inquadratura riassuntiva del piazzale antistante la stazione:

A sinistra salendo le scale c’è il bar, e la banchina per Roma. La banchina DA Roma invece è l’altra e si raggiunge il piazzale dall’altra parte in fondo a destra nell’immagine, con un sottopasso. I bus non a caso parcheggiano più vicino all’uscita del sottopasso.

Torrita Tiberina (RM)

Informazioni principali

  • Stato percorso: provato
  • Visitabile nei giorni feriali: SI
  • Visitabile nei giorni festivi: SI
  • Servito da: bus CO.TRA.L.
  • Cambi (quanti mezzi prendere): 1
  • Prerequisito: nessuno
  • Linee di riferimento:
    • Roma Saxa Rubra – Fiano Romano – Civitella S. Paolo – Nazzano – Torrita TiberinaPoggio Mirteto FS
    • Roma Saxa Rubra – Fiano Romano – Civitella S. Paolo – Nazzano – Filacciano – Ponzano Romano – Torrita TiberinaPoggio Mirteto FS
  • Frequenza: buona (una corsa ogni 1 – 2 ore) i feriali, discreta i festivi
  • Distanza approssimativa da Roma: 50 km (si conta il totale in tratte chilometriche dei bus da prendere, la distanza in linea d’aria può essere inferiore)
  • Capolinea di Roma di riferimento: Roma Saxa Rubra

Come arrivare a Torrita Tiberina da Roma

Torrita Tiberina è servita da quasi tutte le corse della linea Cotral Roma Saxa Rubra – Poggio Mirteto scalo.

Non ho messo altre località come prerequisiti tuttavia data la notevole vicinanza di Torrita Tiberina con la stazione di Poggio Mirteto (meno di 10 km) può essere più veloce/comodo viaggiare con cambio treno+bus invece di farsi 50 km di bus da Roma Saxa Rubra: dunque treno da Roma (Tiburtina) fino a Poggio Mirteto, cambio con bus Cotral per Roma Saxa Rubra. Questa soluzione è particolarmente comoda nei giorni festivi: 9:35 da Poggio Mirteto, che richiede di partire al massimo col treno delle 8:46 da Roma Tiburtina – verificate sempre gli orari ufficiali aggiornati.

Come tornare a Roma da Torrita Tiberina

E’ possibile o tornare a Roma Saxa Rubra con una delle corse di ritorno, oppure proseguire fino a Poggio Mirteto scalo e da lì tornare a Roma con il treno regionale della linea FL1 (Orte – Fiumicino Aeroporto).

Capolinea e/o fermate principali

La fermata più vicina al centro è qui:

Questa era l’inquadratura in direzione Poggio Mirteto. In direzione Roma è praticamente di fronte:

Il segnaposto di fermata è la pensilina in direzione Roma. Non ci sono segnaposti in direzione Poggio Mirteto.

Rocca Massima (LT)

 Informazioni principali

  • Stato percorso: provato
  • Visitabile nei giorni feriali: SI
  • Visitabile nei giorni festivi: NO
  • Servito da: bus CO.TRA.L.
  • Cambi (quanti mezzi prendere): 2
  • Prerequisito: Velletri
  • Linee di riferimento:
    • VelletriRocca MassimaSegni (solo periodi scolastici)
    • VelletriRocca Massima (anche periodi non scolastici)
  • Frequenza: rara
  • Distanza approssimativa da Roma: 50 km (si conta il totale in tratte chilometriche dei bus da prendere, la distanza in linea d’aria può essere inferiore)
  • Capolinea di Roma di riferimento: Roma Anagnina

Come arrivare a Rocca Massima da Roma e come tornare

Occorre intanto arrivare a Velletri, poi dal capolinea bus Cotral (di fronte alla stazione ferroviaria), prendere un bus Cotral diretto o a Rocca Massima o a Segni via Rocca Massima.

Sarebbe tutto sommato semplice se non fosse per il problema che le corse Velletri – Rocca Massima sono veramente poche. Nel periodo scolastico ci sono un po’ più di corse a disposizione ma si concentrano comunque all’ora di pranzo.

Nell’ipotesi più rosea, per avere più tempo possibile a disposizione ed evitando di tornare con l’ultima corsa, in periodo scolastico conviene prendere la prima delle corse scolastiche (verso le 13) e poi tornare con il ritorno della seconda oppure con il ritorno della prima che nel frattempo è andata fino a Segni e ritorno, con un tempo visita tra 1 e 2 ore. Altrimenti si può restare anche di più e puntare tutto sull’ultimo ritorno tra le 17 e le 18 ma è l’ultima corsa, se viene esercitata bene ma se viene sospesa che fate? Passate la notte su una panchina? Dov’è la stazione taxi più vicina? (beh in teoria Velletri…)

In orario non scolastico, ignorando sempre la corsa dell’alba, ce n’è una a/r Velletri il pomeriggio tra le 13 e le 14, e una più tardi tra le 17 e le 18, fine. Le corse prolungate fino a Segni sono disattivate.

Alternativa per l’andata, non ancora verificata: bus urbano compagnia “Caliciotti” da Cori per Rocca Massima: http://www.coriamo.altervista.org/urbano.htm http://natura.lepini.it/Download/OrarioCaliciottiCoriCisternaFS.pdf . Si arriva alle 12:15 e si torna con Cotral via Velletri.

Capolinea e/o fermate principali

Dagli orari la fermata principale / capolinea è “l.go Mariani”. In pratica è qui:

Qui dove, di preciso? Sotto l’albero al centro dell’immagine. Oggi c’è una palina Cotral e piazzola bus. Foto più recenti con bus in sosta:

Rocca Massima Cotral 1 Rocca Massima Cotral 2

Montopoli di Sabina (RI)

Informazioni principali

  • Stato percorso: provato
  • Visitabile nei giorni feriali: SI
  • Visitabile nei giorni festivi: NO
  • Servito da: bus CO.TRA.L.
  • Linea di riferimento:
    • Fara Sabina scaloMontopoli di SabinaPoggio Mirteto (città)
  • Cambi (quanti mezzi prendere): 2
  • Prerequisito: Fara Sabina scalo
  • Frequenza: buona
  • Distanza approssimativa da Roma: 50 km
  • Capolinea di Roma di riferimento: Roma Tiburtina

Come arrivare a Montopoli di Sabina da Roma

Prendete uno dei treni regionali da Roma Tiburtina per Fara Sabina poi cambio con bus Cotral per Poggio Mirteto. La linea Cotral (abbastanza frequente!) che collega Poggio Mirteto (città) a Fara Sabina (scalo) passa appunto per Montopoli di Sabina.

Come tornare a Roma da Montopoli di Sabina

Con la stessa linea Cotral dell’andata nella direzione opposta potete tornare a Fara Sabina scalo e da lì prendere uno dei tanti treni regionali per Roma.

Capolinea e/o fermate principali

L’unica fermata d’interesse per noi è quella di fronte all’ingresso del centro storico. Quella di direzione Poggio Mirteto si trova più o meno qui, anzi dopo il cocuzzolo. In direzione opposta è di fronte.

Proprio questa fermata, che è la principale, non ha segnaposti di alcun tipo, mentre sulla provinciale percorsa per arrivare fin qui molte fermate erano segnate da paline.

Poggio Mirteto scalo (RI)

Informazioni principali

  • Tipologia: nodo di scambio / capolinea
  • Alias: Poggio Mirteto FS
  • Utilizzabile nei giorni feriali: SI
  • Utilizzabile nei giorni festivi: SI
  • Servito da: bus CO.TRA.L. e treno regionale Trenitalia (FL1)
  • Cambi (quanti mezzi prendere): 1
  • Gestore servizio di trasporto pubblico urbano: Autolinee Troiani s.r.l.
  • Prerequisito: nessuno
  • Frequenza: buona
  • Distanza approssimativa da Roma: 50 km (si conta il totale in tratte chilometriche dei biglietti da comprare, la distanza reale può essere inferiore)
  • Capolinea di Roma di riferimento: Roma Tiburtina

Poggio Mirteto scalo

Questo nodo di scambio, frazione di Poggio Mirteto, è con “Passo Corese” (ovvero Fara Sabina scalo) uno dei punti di accesso principali alla Sabina.

La comodità, nonché la frequenza di collegamento con la capitale sono notevoli grazie alla linea di treno regionale FL1 (la Orte – Fiumicino Aeroporto).

Ho citato “Roma Tiburtina” come punto di partenza da Roma perché è quello che uso io, tuttavia qualsiasi stazione servita dalla linea FL1 va bene.

Per chi vuole visitare i comuni sabini dei dintorni quali Casperia, Roccantica, Poggio Catino, Poggio Mirteto, Cantalupo in Sabina, etc. etc. il viaggio tipo è treno+bus: treno da Roma a Poggio Mirteto scalo + bus (in genere Cotral) da Poggio Mirteto scalo al comune prescelto.

Poggio Mirteto scalo è collegata a Roma anche con una linea Cotral da/per Saxa Rubra ma non conviene utilizzarla per arrivare fin qui: ci vorrebbe troppo tempo rispetto al treno e non ci sarebbero coincidenze. Quella linea è invece lo strumento ideale per visitare i comuni dell’area Tiberina che incontra: Fiano Romano, Civitella San Paolo, Filacciano, Nazzano, Ponzano Romano, Torrita Tiberina. Chiaramente per i comuni di quest’area più vicini a Poggio Mirteto scalo – in particolare Torrita Tiberina e Nazzano – conviene, in termini di tempo, arrivare in treno appunto a Poggio Mirteto scalo e coprire con il bus la tratta restante, piuttosto che partire da Saxa Rubra.

Stazione

All’andata non ci si fa caso, però il cavalcavia pedonale per accedere dalla stazione ai binari in uso (2 e 3) non è accessibile dal binario 1: c’è un recinto inspiegabile che non permette l’accesso al cavalcavia dal binario 1. Eppure se uno entra nel fabbricato stazione, esce sul binario 1. Ci cascano tutti la prima volta, me compreso. Uno vuole tornare a Roma, entra nel fabbricato stazione, controlla i monitor, timbra il biglietto, esce sul binario 1… ma il treno per Roma è dal binario 2… C’è il cavalcavia ma non si riesce ad accedere alla scala! Allora si è costretti a rientrare nel fabbricato viaggiatori, uscire sul piazzale, andare a destra e finalmente imboccare le scale del cavalcavia.

Biglietti

Il fabbricato della stazione contiene le macchinette per timbrare i biglietti del treno, ma non ha biglietteria né macchinette automatiche per comprarli. Per l’acquisto vi dovrete rivolgere al bar adiacente la stazione, che è fornito anche di biglietti Cotral.

All’andata però conviene arrivare già forniti di biglietti Cotral perché i tempi di coincidenza sono piuttosto stretti.

Se invece della Cotral dovete servirvi dei mezzi della Troiani (servizio urbano di Poggio Mirteto) il biglietto si fa direttamente a bordo del bus, dall’autista.

Capolinea e/o fermate principali

Ecco un’inquadratura riassuntiva del piazzale antistante la stazione:

A destra del fabbricato stazione, se girate la telecamera, vedrete il bar che vende i biglietti. Il bus inquadrato è quello del servizio urbano della Troiani. In genere l’area dei bus viene spartita tra bus urbani, dove inquadrato, e bus extraurbani Cotral, più in là verso sinistra (per chi esce dalla stazione, a destra). Beh mentre attraverserete il cavalcavia una volta scesi dal treno vedrete subito, dall’alto, dov’è il vostro bus ma soprattutto se c’è.

Notate le pensiline in fila e comunque scordatevi di trovare gli orari affissi. Per evitare sorprese portateveli da casa o abbiate con voi uno smartphone carico per consultare i siti ufficiali dei vari vettori.

Destinazioni sbloccate

Arrivare al nodo di Poggio Mirteto scalo consente di raggiungere e visitare numerose località. Le elenco qui, raggruppate in zone cardinali con riferimento alla stazione.

a Nord:

  • Cantalupo in Sabina (RI)
  • Casperia (RI)
  • Roccantica (RI)
  • Poggio Catino (RI)

ad Est:

  • Poggio Mirteto (RI)
    • Bocchignano (RI)
    • Castel San Pietro Sabino (RI)
  • Salisano (RI)
  • Mompeo (RI)
  • Montenero Sabino (RI)
  • Monte San Giovanni in Sabina (RI)

ad Ovest:

  • Torrita Tiberina (RM)
  • Nazzano (RM)
  • Filacciano (RM)
  • Ponzano Romano (RM)

Orari e coincidenze

Tutto molto figo ma voglio ricordare che l’orario dei treni, pur se relativamente frequente durante l’arco della giornata, contiene comunque dei vuoti in alcuni orari. Il vuoto principale è grossomodo tra le 10 e le 12. Tra i treni delle 9:40 e delle 12:39 per Roma c’è veramente il vuoto.

Le coincidenze treno->bus dell’andata comunque alle 9:40 sono già bell’è finite e considerando che probabilmente non si inizia il ritorno prima delle 12 la mancanza di treni in questa fascia oraria non dovrebbe essere un problema, ma è bene tenerlo comunque a mente.

A proposito di coincidenze all’andata, è vero che ci sono ma non sono così tante. In sostanza il treno magico, da ricordare assolutamente, che da Roma Tiburtina permette di arrivare in tempo utile a Poggio Mirteto scalo per usufruire della maggior parte delle coincidenze è quello che parte alle 7:46 (R 21732) e arriva alle 8:34, in tempo per:

  • la corsa Cotral delle 8:40 che fa il giro di tutte le località del gruppo “nord” elencato sopra prima di arrivare alla destinazione finale Poggio Mirteto città. L’orario così come pubblicato sui pdf ufficiali però è ingannevole perché la corsa risulta avere come destinazione Casperia. In realtà da Casperia riparte subito per Poggio Mirteto passando per Roccantica e Poggio Catino quindi di fatto è un’unica linea.
  • la corsa Troiani (linea “1”) delle 9:05 per Poggio Mirteto città, da dove parte la corsa Cotral delle 9:35 per tutte le località del gruppo “ovest” elencato sopra, con destinazione finale Rieti (!)

Aneddoto/suggerimento: visti i pochi minuti di slargo tra l’arrivo del treno e le 8:40 conviene aver pronta come alternativa una delle destinazioni del “gruppo Est”. Il primo giorno che ho provato questo “menu di viaggio” la corsa delle 8:40 è arrivata con ritardo clamoroso verso le 9. Dico clamoroso perché i Cotral di solito sono molto puntuali se non in anticipo. Quando sembrano essere in ritardo in genere significa che o sono già passati o la corsa è stata soppressa. Comunque nel frattempo io mi ero rassegnato e avevo fatto già il biglietto sul Troiani e ci stavo seduto dentro aspettando la partenza – ma il biglietto già pagato me lo sono fumato perché visto che la mia prima scelta del giorno era Roccantica sono saltato fuori a pigliare il Cotral come l’ho visto arrivare,

Nei giorni festivi le località sabine (gruppi Nord ed Est), con l’eccezione di Poggio Mirteto, non sono visitabili. C’è invece una corsa Cotral per le località “tiberine” in coincidenza col treno partito da Roma Tiburtina alle 8:46 (R 21740). L’ho presa due volte di Domenica, una per andare a Nazzano, l’altra per Torrita Tiberina. In entrambi i casi ero l’unico passeggero. Bella per me, ho viaggiato comodo comodo come i signori!

Ultima cosa, negli orari pdf Cotral di Poggio Mirteto le fermate che ci interessano sono due: quella della stazione è “Staz.FS,Poggio Mirteto Scalo” (non confondetela con “Staz.FS/Dep.Cotral, Capacqua”) mentre il capolinea cittadino è “v.le G.De Vito, Poggio Mirteto”. Le altre fermate “polo didattico” e “Capacqua” per i nostri scopi creano solo confusione. E’ comunque utile sapere che Capacqua è la località a valle, non molto distante dalla stazione, dov’è sito il deposito Cotral di riferimento della zona.

San Vito Romano (RM)

Informazioni principali

  • Stato percorso: provato
  • Visitabile nei giorni feriali: SI
  • Visitabile nei giorni festivi: SI
  • Servito da: bus CO.TRA.L.
  • Cambi (quanti mezzi prendere): 1, o 2
  • Prerequisiti: Tivoli, Genazzano
  • Linee di riferimento:
    • TivoliPisoniano – San Vito RomanoGenazzano
    • Roma (Ponte Mammolo / Anagnina) – Palestrina – Cave – Genazzano – San Vito Romano
  • Frequenza: discreta i feriali, rara i festivi
  • Distanza approssimativa da Roma: 50 km (si conta il totale in tratte chilometriche dei bus da prendere, la distanza in linea d’aria può essere inferiore)
  • Capolinea di Roma di riferimento: Roma Ponte Mammolo, Roma Anagnina

Come arrivare a San Vito Romano da Roma

Ci sono delle corse dirette con partenza da Roma Ponte Mammolo o Roma Anagnina che in pratica sono delle versioni “prolungate” delle più numerose corse che si fermano prima a Genazzano.

In alternativa ci si può arrivare con cambio a Tivoli: arrivare prima a Tivoli con una delle numerose corse Cotral in partenza da Roma Ponte Mammolo e poi cambiare con la linea Tivoli – Genazzano, che transita anche a San Vito Romano.

Ho messo Tivoli e Genazzano come prerequisiti perché avendoli già visitati, sapendosi già distreggiare su come tornare a Roma da tali località, rende molto più facile il viaggio da/per San Vito Romano.

Come tornare a Roma da San Vito Romano

Come per l’andata, si può tornare o via Tivoli con cambio, o via Genazzano, verso Roma Ponte Mammolo o Roma Anagnina.

Nei giorni festivi la corsa di ritorno delle 12 diretta a Genazzano in realtà prosegue fino a Roma Anagnina, eventualmente con cambio autista e/o vettura al deposito di Genazzano. I passeggeri diretti a Roma possono restare a bordo o vengono accompagnati all’altra vettura da prendere.

Questo bus proviene dal deposito di Genazzano fuori servizio quindi chi prende questa corsa per tornare a Roma vedrà prima arrivare il bus dalla direzione opposta, fuori servizio, prima di ripresentarsi nella direzione corretta, in servizio.

Il giorno dell’Infiorata…

Fortunatamente non ci sono deviazioni né limitazioni alla linea di bus in quanto l’infiorata si svolge nel centro storico (Borgo Mario Theodoli) dove il bus comunque non passa.

Capolinea e/o fermate principali

La fermata citata negli orari, viale Piave, è l’ultima delle corse provenienti da Genazzano / Roma e la prima delle corse provenienti da Tivoli. Questa è la palina di fermata/capolinea in direzione Tivoli, proprio davanti al distributore; in direzione opposta è di fronte.

C’è anche una fermata giusto davanti all’ingresso di Borgo Mario Theodoli, la strada d’ingresso al centro storico e al borgo medievale. Qui il segnaposto è la pensilina, in direzione sud (Genazzano, Roma):

Attenzione che più avanti c’è una vecchia palina di fermata ma il bus non ferma qui: oggi ferma appunto dove c’è la pensilina, in piazza.

In direzione opposta verso Tivoli si ferma oltre l’incrocio, più o meno qui:

Infine un’altra fermata, stavolta senza segnaposti di sorta, si trova qui, all’altezza della strada che porta al Santuario Madonna di Compigliano, Viale Pietro Baccelli: