Archivio mensile:aprile 2017

Serrone (FR)

Informazioni principali

  • Stato percorso: provato
  • Visitabile nei giorni feriali: SI
  • Visitabile nei giorni festivi: NO
  • Servito da: bus CO.TRA.L.
  • Gestore servizio trasporto pubblico urbano: N/A
  • Cambi (quanti mezzi prendere): 3
  • Prerequisiti: Anagni, Fiuggi, Paliano, Piglio, Roiate
  • Linee di riferimento Cotral:
    • Anagni – Paliano – Serrone
    • Fiuggi stazione – Acuto – Serrone
    • SerronePiglio
    • SerroneRoiate
  • Frequenza: discreta
  • Distanza approssimativa da Roma: 90 km

Mission: Serrone

Serrone è un vero osso duro per il viaggiatore che si vuole avventurare affidandosi solo ai mezzi pubblici:

  • le andate a disposizione sono poche (2), complicate e completamente diverse
  • i ritorni sono altrettanto pochi, complicati e anche questi completamente diversi tra loro
  • la complessità e diversità di andate e ritorni sono la causa dell’inserimento di così tanti altri comuni tra i prerequisiti: 5, un record probabilmente ineguagliabile
  • qualunque sia la soluzione scelta serve prendere comunque un minimo di 3 mezzi all’andata e 3 al ritorno, con slarghi (tempi d’attesa tra un cambio e l’altro) significativi
  • come al solito dopo una certa ora nel primo pomeriggio c’è vuoto totale di servizio
  • in alcuni periodi con orario ridotto (non scolastico) le corse sono ancora di meno rendendo l’impresa da difficile a impossibile. Es. sul pdf dei giorni di Pasqua 2017 in pratica ci sono le andate ma non i ritorni. A meno di errori di pubblicazioni sono condizioni surreali, quasi oniriche ma in senso negativo: da incubo

Insomma sembra che tutti i fattori di difficoltà si siano dati appuntamento a Serrone per formare un mix snervante e micidiale: in tanti altri casi difficili in genere il fattore di vera difficoltà è uno solo ma qui ogni dettaglio sembra remare contro. Destinazione decisamente sconsigliata a chi non ha ancora considerevole dimestichezza con la rete laziale di trasporto pubblico.

NB a scanso di equivoci la discussione qui riguarda come arrivare e tornare dal centro storico di Serrone: non parliamo della frazione “La Forma” che è molto più facilmente raggiungibile trovandosi lungo la Prenestina – ci passano sia la linea Roma OC – Filettino che le linee Piglio – Colleferro, e Piglio – Genazzano. Lusso totale, al confronto.

Premesso questo, come di consueto andiamo per ordine: andata, ritorno, fermate.

Come arrivare a Serrone da Roma

Dicevamo in apertura che ci sono due possibilità, complicate e completamente diverse tra loro: vediamole.

Cominciamo dalla più comoda che è la seguente: arrivare a prendere la corsa per Serrone proveniente da Anagni e con transito in Paliano.

Punti d’attenzione:

  • verificate gli orari aggiornati, quando ci sono andato io la corsa da Anagni partiva alle 11:35 e passava a Paliano poco dopo mezzogiorno
  • come potete leggere nei relativi articoli, per arrivare sia ad Anagni che a Paliano occorrono già 2 mezzi
  • inoltre, sia che scegliamo di prendere la corsa per Serrone da Anagni che da Paliano c’è almeno un’ora di slargo tra l’arrivo ad Anagni o Paliano e il passaggio di questa corsa
  • se la volete prendere da Paliano, sappiate che il transito di questa corsa è tutto particolare: prima percorre il viale sopra i bastioni, poi quello sotto i bastioni ed effettua a richiesta tutte le fermate che incontra su entrambi i viali
  • si arriva a Serrone verso le 12:30, la corsa riparte poi fuori servizio

Se questa è la soluzione più comoda…

L’alternativa è una corsa da Fiuggi stazione con partenza alle 9:45 (verificate gli orari ufficiali aggiornati) che permette di arrivare due ore prima, ma naturalmente occorre uscire di casa altrettante ore prima. Questo menu prevede:

  • treno delle 7:42 da Roma Termini per Frosinone, scendere ad Anagni FS
  • dalla stazione di Anagni prendere il Cotral per Fiuggi delle 8:30
  • da Fiuggi stazione, dopo un’ora di attesa, prendere la 9:45 per Serrone

In questo caso si arriva a Serrone alle 10:15. Non l’ho verificato ma è possibile che questa corsa sia la stessa che riparte da Serrone alle 10:25 per Anagni.

Sudori freddi? Aspettate il ritorno…

Come tornare a Roma da Serrone

Per il ritorno le corse sono due ma di queste due la seconda, che è anche l’ultima, è diversa a seconda del giorno della settimana (lunedì – venerdì / sabato).

Ricordate sempre di ricontrollare gli orari ufficiali aggiornati, non affidatevi 100% su quelli che riporto io, potrebbero cambiare in futuro.

La prima possibilità di ritorno è alle 14:09 per Piglio, da dove come sappiamo possiamo tornare a Roma abbastanza agevolmente in un paio di passaggi. Questa corsa è una scolastica di ritorno e proviene da Olevano Romano, in essa Serrone non è capolinea ma solo fermata quindi potrebbe anche passare in anticipo.

Dopodiché la seconda e ultima possiblità, pochi minuti dopo le 15, a seconda del giorno e dell’orario in vigore può essere:

Rimando ai relativi articoli dove spiego come tornare a Roma da tali comuni.

Ripeto che queste corse non sono esercitate entrambe in un dato giorno ma in alternativa tra loro a seconda del giorno della settimana.

Nel caso peggiore tra Serrone e la via Prenestina, dove girano altre linee Cotral, ci sono 2 km di provinciale in discesa in mezzo agli uliveti. Però non ci andate così senza un piano, verificate a che ora passano queste altre linee Cotral (saranno per Colleferro o Genazzano).

E se siete in una situazione disperata, fate venire un taxi da Fiuggi. A proposito, avete qualche numero?

Capolinea e/o fermate principali

L’unica fermata/capolinea indicata negli orari è “via dei Mille”. Prima di andarci di persona ho sempre creduto che fosse qui a questo tornante (notare pensilina a sinistra):

Invece sorpresa, è qui al tornante successivo:

Oggi l’aspetto di questo tornante è migliore e c’è una pensilina. Questo è il capolinea ma la pensilina del tornante precedente indica comunque una fermata valida. Quella pensilina è messa in direzione “ritorno” e all’andata la fermata è di fronte sulla stessa strada. In ogni caso i bus pronvengono sempre dal basso e risalgono fino al tornante capolinea dopodiché tornano giù.

Cantalice (RI)

Informazioni principali

  • Stato percorso: provato
  • Visitabile nei giorni feriali: SI
  • Visitabile nei giorni festivi: NO
  • Servito da: bus CO.TRA.L.
  • Cambi (quanti mezzi prendere): 2
  • Prerequisito: Rieti
  • Linee di riferimento:
    • RietiPoggio BustoneCantalice (inferiore – superiore) – Rieti
    • RietiCantalice (superiore – inferiore) – Poggio Bustone
    • RietiCantalice (superiore – inferiore) – Rieti
  • Frequenza: discreta
  • Gestore servizio di trasporto pubblico urbano: Rossi Bus S.p.A.
  • Distanza approssimativa da Roma: 90 km (si conta il totale in tratte chilometriche dei bus da prendere, la distanza in linea d’aria può essere inferiore)

Come arrivare a Cantalice da Roma

Guardando l’orario sembra che non ci siano corse per Cantalice da Rieti prima di mezzogiorno ma in realtà una corsa c’è. Si tratta del ritorno della corsa Rieti – Poggio Bustone partita da Rieti alle 10:00 (verificate gli orari aggiornati): infatti questa corsa al ritorno segue una strada diversa rispetto all’andata passando anche per Cantalice.

Occorre quindi innanzitutto arrivare a Rieti in tempo per le 10, prendere la corsa Cotral per Poggio Bustone, rimanere a bordo e, sulla via del ritorno di questa linea che assomiglia a una circolare, scendere a Cantalice.

Questa corsa, che è l’unica che garantisce la visitabilità per un esterno la mattina, era stata soppressa il sabato (quindi esercitata solo dal lunedì al venerdì) con la riforma orari del 7 Gennaio 2016, poi riattivata dal 15 Ottobre 2016  – spacciata per nuova, ma va bene così.

Come tornare a Roma da Cantalice

Noterete dall’orario che i ritorni si concentrano nel primo pomeriggio tra le 13 e le 14 quindi ci sono fino a 3 ore a disposizione per la visita. Attenzione però a non trattenersi troppo perché dopo l’ultima di questo gruppo di corse c’è un vuoto di tre ore prima della successiva, che non risulta neanche per Rieti ma per Poggio Bustone – similmente all’andata, ma al contrario, la linea è circolare: alcune corse fanno Rieti – Poggio Bustone – Cantalice – Rieti, altre, Rieti – Cantalice – Poggio Bustone – Rieti.

Oltre alle corse Cotral c’è una (1) corsa del servizio urbano (gestore attuale Rossi Bus) che con la linea “FS” si spinge fino a Rieti ma anche questa corsa è tra le 13 e le 14. Da quanto ho visto di sfuggita a Rieti non entra nel piazzale capolinea Cotral ma si ferma comunque lì vicino sulla strada che segue le mura.

No, questa linea urbana non può essere all’andata da un visitatore esterno perché l’unica corsa mattutina è verso le 6:30… La linea urbana FS ha una sola corsa d’andata e una sola di ritorno.

Capolinea e/o fermate principali

La fermata di riferimento “p.zza Repubblica” è qui, senza alcun segnaposto di fermata:

Qui dove? Rispetto a quest’inquadratura, che è in direzione Rieti – da Poggio Bustone si scende da questo lato – all’inizio del ponticello.

In direzione Poggio Bustone o più precisamente “proveniendo da Rieti” è alla stessa altezza ma in verso opposto, ecco una foto scattata dall’alto del piazzale della chiesa di San Felice:

E’ controintuitivo ma una delle corse pomeridiane per Rieti, quella esercitata solo Lunedì-Venerdì, va nel verso di Poggio Bustone, questo perché è una corsa “breve” Rieti – Cantalice – Rieti che non segue tutto il percorso circolare fino a Poggio Bustone; per questo sopra ho scritto che questo verso è “proveniendo da Rieti”.

Attenzione quindi al verso di ritorno della vostra corsa prescelta, verificatelo in anticipo con lo strumento ufficiale “percorso e tariffe” (ex Pianifica Viaggio) del sito Cotral.

La fermata di “p.zza Repubblica” nella terminologia degli orari è considerata “Cantalice inf” (inferiore). C’è anche una fermata a “Cantalice Sup” (superiore) ovvero qui:

Verificate sugli orari ma in genere proveniendo da Rieti il bus passa prima per Cantalice Superiore e poi per Cantalice Inferiore mentre proveniendo da Poggio Bustone il contrario: passa prima per Cantalice Inferiore poi risale a Cantalice Superiore.

Se vi interessano solo (piazza del)la chiesa di San Felice o i ruderi del castello, che si trovano entrambi in vetta, ma vi volete risparmiare la salita a piedi da piazza della Repubblica in su – sono quasi tutte scale – sfruttando questa fermata di Cantalice Superiore ve la cavate con 500 m a piedi – verso destra rispetto all’inquadratura – in piano senza scale.

Se invece volete fare la scalata a piedi scendete a Cantalice Inferiore, andate piano e soprattutto godetevi scorci e panorama. Il percorso tranne pochi bivi è comunque in gran parte guidato da indicazioni per la via Francigena cioè pennellate gialle e celesti sulle pareti.

Corchiano (VT)

Informazioni principali

  • Stato percorso: provato
  • Visitabile nei giorni feriali: SI
  • Visitabile nei giorni festivi: SI
  • Servito da: bus CO.TRA.L., ferrovia Roma – Civita Castellana – Viterbo (ATAC)
  • Gestore servizio trasporto pubblico urbano: Vitertur s.r.l.
  • Cambi (quanti mezzi prendere, minimo): 2
  • Prerequisiti: Civita Castellana, Soriano nel Cimino, Vignanello
  • Linee di riferimento:
    • (COTRAL): Civita Castellana – Fabrica di Roma – Corchiano – Vallerano – Vignanello – Soriano nel Cimino – Viterbo
    • (COTRAL): Civita CastellanaCorchiano – Fabrica di Roma – Carbognano – Viterbo
    • (COTRAL): (Civita Castellana -) CorchianoCorchiano stazione
    • (ATAC): Roma Flaminio – Roma Saxa Rubra – […] – Sacrofano bv – Riano bv – Castelnuovo di Porto bv – Morlupo bv – Rignano Flaminio – Sant’Oreste bv – Civita Castellana – Faleri – Fabrica di Roma – Corchiano – Vignanello – […] – Soriano nel Cimino – […] – Bagnaia – Viterbo
  • Distanza approssimativa da Roma: 70 km (considerando le tratte Cotral del viaggio più breve)
  • Capolinea di Roma di riferimento: Roma Saxa Rubra (Cotral), Roma Flaminio (Atac)

Come arrivare a Corchiano da Roma

Corchiano si trova grossomodo tra Civita Castellana e Fabrica di Roma ed è servita da linee bus Cotral che collegano Civita Castellana a Viterbo e viceversa, nonché dalla ferrovia concessa “Roma (Flaminio) – Civita Castellana – Viterbo” attualmente gestita dall’atac di Roma.

Detto così non sembra difficile, però andando nei dettagli si scopre tutta una serie di piccole complicazioni da gestire; cerchiamo qui di evidenziarle e smarcarle un po’ per volta.

Andando per ordine, il nostro primo obiettivo è raggiungere Corchiano da Roma, preferibilmente la mattina. Il piano di viaggio più immediato è il seguente: bus Cotral da Roma Saxa Rubra a Civita Castellana fino a capolinea, in tempo per cambiare con altro bus Cotral da Civita Castellana a Viterbo, con transito per Corchiano. Attualmente questa seconda corsa parte da Civita Castellana alle 10:45.

Se non vogliamo cambiare al capolinea ma dentro Civita Castellana cominciano le prime complicazioni: proveniendo da Roma vi conviene scendere alla fermata davanti la stazione ferroviaria atac, dopodiché dovete fare un pezzo a piedi fino alla fermata di Via Giuseppe Mazzini. Per dettagli sul posizionamento di queste fermate in Civita Castellana, se non le conoscete già, potete consultare il relativo articolo sempre su questo sito.

Un’altra complicazione: questa corsa passa prima per Fabrica di Roma e poi per Corchiano, nonostante in linea d’aria venga prima Corchiano e poi Fabrica di Roma. Quest’ordine controintuitivo diventa più naturale guardando la cartina. Tra l’altro è lo stesso ordine seguito dal tracciato della ferrovia. Non sarebbe tanto complicato se fosse sempre così, invece alcune altre corse Cotral tra Civita Castellana e Corchiano – specie le scolastiche – fanno una strada più diretta senza passare per Fabrica di Roma, o magari passano prima per Corchiano e poi per Fabrica. Queste differenze di percorso sono comunque tutte indicate negli orari ufficiali pdf sul sito della Cotral.

OK quindi in questo modo, con due bus Cotral, arriviamo a Corchiano verso le 11:15. C’è modo di arrivare prima? La risposta è “sì” ma il tragitto da fare cambia completamente. Abbiamo detto prima che Corchiano è servita da linee Cotral che collegano Civita Castellana e Viterbo. Per arrivare a Corchiano prima delle 11:15 occorre fare il giro al contrario e cioè sfruttare una delle corse Cotral da Viterbo a Civita Castellana, in particolare quella in partenza alle 9.

Avendo già imparato quant’è pesante arrivare entro le 9 a Viterbo da Roma, cerchiamo senz’altro un modo più furbo e lo troviamo. Questa corsa delle 9 passa (verificate gli orari aggiornati) alle 9:30 a Soriano e alle 9:50 a Vignanello. Da precedenti viaggi sappiamo che prendendo uno dei regionali veloci da Roma (Termini o Tiburtina) si può arrivare a Orte in tempo per prendere corse Cotral che ci portano appunto o a Vignanello o a Soriano anche prima di questi passaggi. Quello di Soriano sembra non esserci, invece c’è, con cambio a Vasanello.

Tirando le fila, per arrivare a Corchiano da Roma prima delle 11:15 – beh si guadagna un’ora ma non di più – occorre prendere:

  • treno regionale veloce da Roma Termini o Tiburtina, in questo caso per Firenze (attualmente 7:37 da Roma Tiburtina), scendere ad Orte
  • da Orte prendere bus Cotral per, in alternativa:
    • Viterbo via Vignanello:
      • scendere a Vignanello, attendere e prendere successiva corsa per Civita Castellana (slargo di circa un’ora, verificate gli orari aggiornati) via Corchiano proveniente da Viterbo
    • Soriano via Vasanello:
      • ho fatto la prova un Sabato, la corsa delle 8:40 per Vasanello si può usare per andare a Soriano con coincidenza a Vasanello. Alle 9:00 il bus raggiunge Vasanello e si ferma, dopo pochi minuti ne arriva un altro da Soriano per Orte e si ferma pure lui. Il primo ritorna ad Orte dopo aver caricato chi da Vasanello prosegue per Orte, il secondo ritorna a Soriano dopo aver caricato chi da Vasanello prosegue per Soriano (noi in questo caso)
      • rispetto alla versione “via Vignanello” il cambio con la corsa per Corchiano – Civita Castellana da Viterbo è a Soriano, c’è un mezzo in più da prendere e lo slargo è molto più ristretto però potrebbe essere l’unica soluzione rimasta se il regionale veloce ha accumulato troppo ritardo. Quando ho provato io il treno aveva fatto ritardo nonostante fosse passato comunque in DD (linea direttissima), per una serie di semafori rossi tra Civita e Gallese, ciononostante il Cotral per Viterbo via Vignanello era ancora lì ad aspettare, ma io volevo comunque provare la coincidenza a Vasanello, e almeno per me ha funzionato, con più slargo del previsto perché il bus da Viterbo portava qualche minuto di ritardo.

E così siamo a Corchiano per le 10:10 anziché le 11:15.

NB il tutto nei soli giorni feriali, perché nei giorni festivi tutte queste linee Cotral che ho citato non sono attive. In caso di necessità nei festivi – verificate sempre gli orari aggiornati – ce n’è attiva un’altra, da Roma Saxa Rubra a Civita Castellana via Ronciglione – Carbognano – Fabrica – Corchiano anche se risulta con cambio a Ronciglione che però è fittizio, è sempre lo stesso bus; la stessa linea ha uno o due ritorni festivi di pomeriggio, consultate gli orari aggiornati.

Passiamo ora al treno, quello della ferrovia concessa “Roma – Civita Castellana – Viterbo” detta anche “Roma Nord”. Per chi non la conoscesse, attualmente è in gestione all’atac di Roma; i biglietti in uso sono dei titoli di viaggio dedicati a questa linea: non potete usare i normali biglietti urbani atac né funzionano i biglietti Cotral. Dovrete comprare gli appositi biglietti alle biglietterie atac delle varie stazioni, Roma Flaminio in primis. Le corse a disposizione non sono molte, dovrete studiare gli orari aggiornati; alcune corse potrebbero partire da Montebello, non da Flaminio, in tal caso dovrete prima prendere il trenino da Flaminio in versione urbana fino a Montebello e da lì cambiare con bus sostitutivo.

La domenica (nei festivi) invece questi inconvenienti non ci sono, i treni coprono il percorso completo, ad esempio c’è quello delle 9:30 da Roma Flaminio perfetto per partire in gita, e soprattutto ci sono dei ritorni sempre con treno nel pomeriggio.

In altre parole sarebbe una gran cosa se non fosse che la stazione sta praticamente in mezzo ai campi a 1,5 km dal paese e per com’è “aperta” la strada non è proprio raccomandabile coprire quel tratto a piedi in solitaria.

Ben diverso se quel giorno il treno festivo è sostituito da bus navetta, in quel caso la fermata è in comune con quella Cotral e quindi dentro il paese senza 1,5 km da fare a piedi.

Per ulteriori dettagli sull’ubicazione delle fermate etc. come di consueto rimando all’apposita sezione più avanti in questo articolo.

Come tornare a Roma da Corchiano

Come per l’andata ci sono molti modi a disposizione anche per il ritorno di cui la maggior parte con cambio: o a Civita Castellana, o a Soriano, o a Viterbo, e alcuni addirittura diretti fino a Roma Saxa Rubra (Cotral) o Roma Flaminio (se riuscite a raggiungere la stazione del treno). Come al solito la maggior parte delle possibilità si concentra in poche ore del pomeriggio quindi consultate gli orari ufficiali aggiornati e scegliete la soluzione che fa per voi.

A proposito di ritorno segnalo che nei giorni feriali c’è una corsa Cotral alle 14:20 da Corchiano a Corchiano stazione che è forse l’unico interscambio ferro-gomma disponibile a Corchiano eppure non risulta negli orari pdf ma solo da app e da tool Pianifica Viaggio. Ufficialmente proviene da Civita Castellana – Istituto Orioli ma quando l’ho vista io è arrivata vuota e tabellata  “CORCHIANO – Stazione – CORCHIANO”. Aveva 10 minuti di ritardo però è arrivata in stazione in tempo, pochi minuti prima dell’arrivo del treno in direzione Roma (14:38). Da quanto ho visto una volta arrivato in stazione il bus non riparte subito ma aspetta eventuali passeggeri (studenti, a quell’ora) scesi dal treno e diretti a Corchiano. In altre parole questa mini-corsa Cotral è un utilissimo collegamento urbano tra la stazione e il paese, in coincidenza col treno. Io l’ho usata al ritorno per tornare a Roma col treno; se non fosse passata avrei preso una delle corse successive per Fabrica o Civita Castellana e da lì avrei cambiato col treno (Fabrica) o treno o altro bus Cotral (Civita) per Roma.

Capolinea e/o fermate principali

La fermata principale Cotral coincide con quella delle corse bus sostitutive/integrative dell’atac ed è qui, sdoppiata ai due lati di questa strada:

Per comodità riferiamoci ai due lati della strada come lato Est, a destra nell’inquadratura, e lato Ovest, quello opposto. Sul lato “est” il traffico scorre da sud a nord, sul lato “ovest” viceversa. Come segnaposto di fermata ci sono attualmente sul lato Est: una pensilina no-logo, la piazzola BUS, nessuna palina Cotral, la palina Vitertur del servizio urbano, la palina temporanea atac del servizio sostitutivo/integrativo del treno; lato Ovest c’è solo la palina temporanea atac.

Diamo un nome a “questa strada”: è “via Civita Castellana”. Tra parentesi, sempre rispetto all’inquadratura, per andare al borgo dovete andare a destra (Via Roma) mentre a sinistra prosegue la provinciale fino a un bivio che da una parte porta a Vignanello, dall’altra proseguendo si arriva a un altro bivio che porta da una parte alla stazione, dall’altra alla chiesa S. Maria del Soccorso per ricongiungersi poi alla provinciale per Fabrica.

Sull’app Cotral la fermata “via Civita Castellana” cercando “Corchiano” compare due volte! La prima, aprendo il dettaglio, è “Corchiano , v Civita Castellana”, la seconda è “CORCHIANO (via Civita Castellana). Entrambe hanno le destinazioni divise in due gruppi ma il contenuto è leggermente diverso e ci sono in entrambi i casi destinazioni riportate in entrambi i gruppi. In breve, la confusione più totale.

Cercando di rimanere freddi, cinici e lucidi troviamo la soluzione al rompicapo. Ci facciamo aiutare dall’app stessa cliccando su ciascuna iconcina di segnaposto a sinistra di ciascuna fermata: così facendo si apre una mappa che ci mostra dov’è posizionata la fermata e scopriamo che la prima delle due NON è la nostra fermata ma un’altra fuori paese sulla provinciale per Civita Castellana – sarebbe stato meglio indicarla con SP29 o qualcosa di simile! – mentre la seconda è proprio la nostra di “via Civita Castellana”. A ulteriore conferma notiamo poi che le corse del primo gruppo della prima fermata corrisponde grossomodo al secondo gruppo della seconda con un orario di passaggio di 3 minuti successivo. (Nota: da quando ho scritto questo paragrafo, ancora in bozza, ad oggi (pochi giorni dopo) che ho finito l’articolo, ho notato che nell’app hanno invertito l’ordine di comparsa delle due fermate: ora la vera fermata principale è al primo posto tra i risultati cercando “corchiano”).

Risolto il primo enigma affrontiamo il secodo, altrettanto tosto di capire e cioè: dei due gruppi di destinazioni della seconda fermata, quali sono della fermata lato Est e quali della fermata lato Ovest?

Più che le destinazioni in comune ci aiutano le destinazioni che compaiono solo in uno dei due gruppi, per esempio Viterbo o Corchiano stessa, meglio ancora ci aiuta il percorso disegnato dal tool “pianifica viaggio”. In pratica il “secondo gruppo”, quello che tra le destinazioni contiene Corchiano stessa, è quello del lato Est mentre il primo gruppo è del lato Ovest.

Detto questo, attenzione alle eccezioni: di norma le corse passano per uno solo dei due lati alla volta ma ce ne sono alcune che passano per entrambi i lati! Queste provengono da sud, risalgono il lato est, girano, ridiscendono per il lato ovest – in breve, transito a cappio. Esempi: corsa delle 13:18 per Civita Castellana che proviene da Fabrica, oppure la corsa di ritorno festiva da Civita Castellana per Ronciglione – Roma SR.

OK dopo tutta questa pappardella sulle fermate bus (tutto per descrivere una sola fermata!) andiamo a vedere la stazione ferroviaria:

Immagino le vostre facce perplesse, se non siete abituati: si, questa è una stazione, e nonostante le apparenze è ancora aperta al servizio. Beh, il fabbricato è chiuso e sprangato, la stazione è impresenziata, ovviamente non c’è nessuna biglietteria PERO’ sono affissi gli orari aggiornati e c’è un’eroica, solitaria macchinetta per timbrare il biglietto.

Per accedere ai binari, dall’inquadratura l’ingresso è a destra, c’è un passaggio per arrivare in banchina costeggiando il fabbricato senza dover passare per alcun cancello né scavalcare alcun recinto.

L’unica corsa Cotral che si spinge fin qui si ferma nel piazzale sterrato, come può, dove può. Naturalmente non c’è alcuna palina! La cosa impressionante è che riescono a portarci tranquillamente vetture normali da 12 m per quella stradina strettissima.

La stazione, da orario attuale, è una fermata a richiesta: se nessuno deve scendere e non c’è nessuno che dalla banchina fa cenno, il treno non si ferma. Quindi se pensate di prendere il treno all’andata, come se vi trovaste sul bus ricordatevi di prenotare la fermata, trovate per tempo il pulsante apposito. Se prendete il treno di ritorno, dalla banchina fate cenno.

Per chiudere, occhio che nel territorio di Corchiano si trova anche un’altra stazione ferroviaria, ancor più lontano dal centro abitato, ma quest’altra stazione è abbandonata sul serio: appartiene a quella che fu la linea Civitavecchia – Capranica – Orte, soppressa ormai più di vent’anni fa.