Castel San Pietro Romano (RM)

Informazioni principali

  • Stato percorso: provato
  • Visitabile nei giorni feriali: SI
  • Visitabile nei giorni festivi: NO
  • Servito da: bus CO.TRA.L.
  • Cambi (quanti mezzi prendere): 2
  • Prerequisito: Palestrina
  • Linee di riferimento:
    • PalestrinaCastel San Pietro Romano – Capranica Prenestina – Rocca di Cave – Capranica Prenestina – Guadagnolo
    • PalestrinaCastel San Pietro Romano – Capranica Prenestina – Guadagnolo
    • Guadagnolo – Capranica Prenestina – Castel San Pietro RomanoPalestrina
  • Frequenza: rara (poche corse al giorno)
  • Distanza approssimativa da Roma: 40 km (si conta il totale in tratte chilometriche dei bus da prendere, la distanza in linea d’aria può essere inferiore)

Come arrivare a Castel San Pietro Romano da Roma

Occorre prima di tutto arrivare a Palestrina, fermata “via degli Arcioni”. Poco più distante c’è la fermata da dove si può salire sull’altra linea per Castel San Pietro Romano – Capranica Prenestina – Rocca di Cave – (Capranica Prenestina – Guadagnolo).

Attenzione che questo è importante: la fermata dei bus per Castel San Pietro Romano NON è la stessa dove siete scesi. I bus di questa linea NON vengono da dove è venuto il bus che vi ha portato a Palestrina da Roma, e cioè da via degli Arcioni, MA da “sotto”: da via della Stazione. Da dove, cioè, vengono i bus che tornano a Roma. Il motivo è probabilmente perché vengono dal deposito di Genazzano; tra l’altro ci sono anche corse “prolungate” da/per Genazzano, ma non in orario utile per chi viene da fuori.

In buona sostanza il posto giusto per aspettare le corse per Castel San Pietro Romano è il muretto dove stanno sedute tutte queste persone. Che ci stanno a fare lì? Aspettano il bus!

Notare che chi viene da fuori non ha alcun modo di sapere dov’è questa fermata. Non c’è palina, non c’è piazzola, non c’è pensilina, e neanche dal sito ufficiale si capisce bene. Io ero convinto che il bus venisse da via degli Arcioni e perciò ho aspettato esattamente dov’ero sceso da Roma. Era mattina presto e il muretto era deserto, non avrei potuto neanche avere il sospetto che fosse lì, invece. E quindi quando è arrivato il bus alle spalle da via della Stazione, l’ho perso come un pollo – e almeno il primo tratto se l’è fatto vuoto perché ripeto non c’era nessuno al muretto, non è salito nessun altro.

Quanto a me non mi rimaneva che farmi una passeggiata per Palestrina per ingannare il tempo – quasi 3 ore – fino alle 12:15, orario della corsa successiva. La seconda volta non mi sono fatto fregare: stavolta c’era anche altra gente ad aspettare, proprio come nell’immagine di Google Maps; ciò mi ha dato la certezza che la fermata fosse proprio lì, e lì era.

Come tornare a Roma da Castel San Pietro Romano

Il ritorno è per Palestrina, via degli Arcioni; da lì poi si può cambiare per Roma Anagnina o Roma Ponte Mammolo.

Si scende qualche metro prima della pensilina della fermata in direzione Roma, giusto per avere spazio di manovra: scaricati i passeggeri infatti, i bus si rituffano giù a sinistra per via della Stazione.

Capolinea e/o fermate principali

A Castel San Pietro Romano la fermata di riferimento è la stessa sia all’andata che al ritorno: questa (se ingrandite potrete vedere un vecchio cartello con scritto FERMATA).

Questa sarebbe la visuale di chi aspetta: i bus vengono dalla strada in discesa, salgono qui, girano e si fermano prima di ridiscendere – sia all’andata che al ritorno. Non salgono più in alto di così.

Per complicare le cose, nella realtà a volte il bus si ferma dove ho indicato, altre volte si ferma dall’altro lato del piazzale, qui sul lato destro:

Come mai? Booh! Però visto che il bus passa prima per questo secondo punto di fermata, conviene aspettarlo qui. Se non si ferma e indica l’altro lato della piazza, fate sempre in tempo con una corsetta.

Consuetudini locali (?)

I bus assegnati su questa linea sono quasi sempre dei “Poker Orlandi” matricola 14xx del deposito di Genazzano. Spesso, non so perché, girano “stabellati” cioè senza indicazione della linea né sul display né con tabella manuale. Anzi magari sul display c’è scritto FUORI SERVIZIO nonostante la vettura sia regolarmente in servizio. O potrebbe esserci indicata una corsa che non c’entra nulla, forse bloccata da un turno precedente: una volta m’è capitato uno che aveva come tabella “ANAGNI – PALIANO” ma io stavo a Guadagnolo e nonostante le apparenze il bus era quello giusto e in servizio per tornare a Palestrina… Quindi non fidatevi alla lettera di cosa c’è scritto, o non scritto: quando arriva il bus fate sempre e comunque cenno per fermarlo, poi chiedete.

Altra consuetudine (?): d’estate con il caldo quello vero, su questa linea con queste vetture si usa girare, fuori Palestrina, tenendo la porta anteriore aperta anche durante la marcia – così circola un po’ d’aria perché queste vetture non sono condizionate e i finestrini non sono così grandi.

Infine, non so perché, le corse da Palestrina, sia quella della mattina che quella di mezzogiorno, tendono ad arrivare e partire in ritardo, a volte anche di mezz’ora. Boh, forse ogni tanto confondono l’orario di partenza in servizio da via degli Arcioni a Palestrina con l’orario di uscita dal deposito di Genazzano? E’ chiaro che per essere sicuri occorre comunque presentarsi alla fermata in orario se non con un po’ di sano anticipo, però se il bus non arriva il consiglio è aspettare almeno mezz’ora, anche 45 minuti, prima di gettare definitivamente la spugna… altrimenti appena vi allontanate potreste sentire in lontananza il rombo del motore del bus che arriva in ritardo e a quel punto non ce la fareste comunque più a prenderlo. Sì mi è capitato anche questo.

Nei giorni festivi…

Ci sono un paio di corse, ma in orari troppo estremi per chi viene da fuori. Aggiornamento Gennaio 2016: con la riforma orari Cotral del 7/1/2016, hanno soppresso pure quelle.

Giusto come nota storica, per il primo maggio 2014 è comparsa in tabella una corsa aggiuntiva (Castel San Pietro Romano – Capranica Prenestina – Guadagnolo) in orario accessibile: partenza 10:45 da Palestrina. Sembrava troppo bello per essere vero, e infatti non era vero. Io ho voluto illudermi fino alla fine così ci sono andato, ho aspettato dalle 10:20 fino alle 11, e non è passata. Secondo me o è stata banalmente sospesa, o è passata alle 9:30 come in orario feriale.

A proposito degli orari (tabelle)

La linea che serve Castel San Pietro Romano, Capranica Prenestina, Rocca di Cave, Guadagnolo, più che una linea è un grafo il cui percorso, i cui nodi toccati cambiano a seconda dell’orario.

I punti esterni di collegamento sono in primo luogo Palestrina, in secondo luogo Cave, e in ultima battuta Genazzano.

Per farsi un’idea reale del servizio occorre studiare in parallelo le tre tabelle di Castel San Pietro Romano, Capranica Prenestina, Rocca di Cave e sintetizzarle su un unico foglio excel o su un pezzo di carta.

Consiglio vivamente di fare questo esercizio prima di partire, per non avere sorprese e non perdere di vista occasioni di ritorno – o di andata – che magari non sono evidenti guardando le tabelle separatamente.

Detto questo, più che la pubblicazione di un’orario complessivo in formato più intelleggibile, servirebbe da un lato l’aumento delle corse e dall’altro la loro semplificazione/unificazione. Di soluzioni ce ne sono tante. Quella che ho in mente io è un’unica linea Palestrina – Castel San Pietro Romano – Capranica Prenestina – Rocca di Cave – Cave, con corse prolungate fino a Guadagnolo, oppure con un’altra linea navetta Capranica Prenestina – Guadagnolo – Capranica Prenestina.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...